• Sei qui:
  • Home >
  • News >
  • Fabrizio Pasquale: “Delegabilità della partecipazione personale, orientamento sbagliato”

Fabrizio Pasquale: “Delegabilità della partecipazione personale, orientamento sbagliato”

Cresce l’attesa per la IV Giornata Nazionale della Mediazione Civile e Commerciale. Tra i relatori che contribuiranno ad alimentare il discorso su prospettive e scenari futuri dell’istituto, ci sarà anche il Giudice Fabrizio Pasquale.
“Sono felice di poter partecipare a questo evento, che intende diffondere la cultura della mediazione tra i principali attori del sistema" commenta il dott. Pasquale. "Nel corso del mio intervento, cercherò di approfondire il tema della delegabilità della partecipazione personale delle parti in mediazione. Una recente sentenza della Corte di Cassazione (sentenza 27 marzo 2019, n. 8473) ha stabilito che le parti non hanno l’obbligo di essere presenti e possono delegare ad un terzo soggetto il potere sostanziale di partecipare al procedimento, e quindi di conciliare la lite. Si tratta di un orientamento a mio avviso sbagliato, e nel corso del mio intervento cercherò di portare diverse argomentazioni a supporto, che nascono dalla mia esperienza quotidiana”.
Sulla riforma della giustizia, che potrebbe coinvolgere il mondo ADR, il Giudice Pasquale si esprime così: “A febbraio ho fatto parte della delegazione che ha incontrato il ministro Bonafede, portando all’attenzione del titolare del dicastero di Giustizia le istanze della mediazione. Nessuna delle nostre indicazioni trovò spazio nel documento di riforma circolato nelle settimane successive, che penalizzava fortemente la mediazione a vantaggio della negoziazione assistita. Ma quel documento, ormai, appartiene al passato. Lo stesso ministro ha detto che la riforma del processo resta tra le priorità del suo ministero, ma che ci saranno modifiche al documento concepito a Marzo. Ad oggi è davvero difficile fare previsioni. E’ chiaro che, essendo cambiata la compagine di governo, ci saranno delle novità, anche per quanto concerne le ADR e segnatamente la mediazione. L’auspicio è che, quantunque si volessero rivedere le materie oggetto dell’istituto, la mediazione non ne esca depauperata ma che, anzi, possa ampliare il suo raggio d’azione”.
A cura dell'Ufficio Stampa

Tutta la disponibilità e l'efficienza del Team Concilia Lex!

La Concilia Lex S.p.A. mette a disposizione dell’utente, tutta la disponibilità ed efficienza, di personale altamente qualificato, per rispondere ad ogni problematica relativa alle attività svolte ed ai servizi erogati dalla società.

E’ possibile chiamare il nostro centralino al n. verde 800 482977 per parlare con una nostra operatrice, che saprà fornire tutte le risposte alle vostre domande, dalla gestione di una pratica, alla presentazione di un’istanza oppure semplicemente ricevere informazioni sugli orari d'ufficio.

Non esitare, contattaci!

Lascia i tuoi dati e un nostro esperto ti ricontatterà presto

Informativa

Email e Newsletter


E' necessario barrare il codice di controllo reCAPTCHA